San Bernardino

Edificata nel 1462 per volere dei minori Osservanti la Chiesa di San Bernardino originariamente apparteneva all’omonimo convento. Dopo qualche anno il convento passò ai Riformati, che lo conservarono fino alla soppressione francese del 1809. Al ritorno dei Borboni, nel 1816, la chiesa fu restituita al culto.

Il portale d’ingresso, in pietra di tufo, di stile gotico è stato realizzato nel XV secolo da maestranze locali. Al suo interno sull’altare maggiore, realizzato dal frate Giovanni Antonio da Sersale in marmi policromi e datato 1796, è custodito lo splendido Crocefisso ligneo attribuito a Frate Umile da Pietralia, autore di numerosi crocefissi nella seconda metà del Seicento. Nelle cappelle troviamo un sarcofago marmoreo di Oliviero di Summa datato 1536. Nel presbiterio si rilevano un ambone e un inginocchiatoio di legno scolpito, opera, insieme all’armadio della sacrestia, del monaco Francesco Di Guido Maria.