altre foto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

anni ’20. Mio nonno Martino, carradore, “carrero”, nel centro della sua attività. Così descritta dal preside Giovanni Sapia:  “Era il tempo dei carri massicci e dei carretti da lavoro, ma anche dei birocci solidi e snelli, variamenti conformati secondo gli usi, fino all’eleganza e alla signorile ricercatezza. Nella bottega di mastro Martino, ove gran parte del lavoro si svolgeva all’aperto, una rudimentale e, a suo modo, specialistica catena di montaggio creava l’opera intera, dai gioghi robusti alla perfetta geometria delle ruote, ai cerchioni in ferro, modellati a millimetro, colpo su colpo, alla varietà dell’armamentario e dell’ornato. Prodotti di ateliers, queste come altre opere dei nostri artigiani”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1932. Al mare con il Vavuso (Catapano)